La Madonna all'Ucraina

Voi qui in Ucraina avete ricevuto la conoscenza dell’unica, vera, Chiesa apostolica… Il Dio Eterno vi chiama. Ecco perché sono stata mandata a voi… nonostante le lunghe persecuzioni che avete subito non avete perduto la fede, la speranza e la carità.

È apparsa a più riprese e in diversi momenti della storia del popolo Ucraino. È la Vergine di Grushew, vestita in modo del tutto simile a un’icona miracolosa, una Vergine della Tenerezza risalente al 988, e appartenuta al re Vladimiro il Grande. Il principe di Kiev, l’aveva ricevuta da sua moglie Anna, dopo la conversione di quel popolo al Cristianesimo, culminata con un “battesimo in massa” nelle acque del fiume Dniepr. E’ la più antica e venerata immagine sacra Ucraina.
Le apparizioni più importanti furono nel 1987 dove una ragazzina di undici anni, Marina Kisyn, la vide sul campanile di una chiesa cattolica abbandonata. Ai tempi dello Zar questa chiesa era il santuario mariano che custodiva, appunto l’importante icona di Vladimiro, considerata miracolosa. Quel giorno, 26 aprile 1987, cadeva esattamente un anno dopo in cui, nelle stesse ore, avveniva il disastro di Chernobyl. La fanciulla, sbigottita, chiamò la madre e i vicini di casa: tutti videro la Madonna. Nei giorni seguenti si radunarono 40.00 persone e, anche in questo caso, tutti la videro. Furono allora accusati dal regime di allucinazione collettiva. Il 13 maggio (anniversario delle apparizioni di Fatima) con l’unico fine di denigrare, una tv locale inviò una troupe per girare un servizio durante le presunte apparizioni e certificarne così la falsità, ma anche la telecamera riprese la Regina dell’Ucraina: una Madonna vestita di nero con il Bambino in braccio. Prontamente il programma fu interrotto. Tra i veggenti di quella serie di apparizioni ci fu Josyp Terelya, esponente del movimento separatista ucraino, la Madonna gli parlò senza muovere le labbra, gli disse di agire in conformità al volere di Dio senza avere paura. Teneva in mano, alto, un rosario dai grani luminosi di colore blu e arancione.

La Santa Vergine era già apparsa in questo villaggio nel XV secolo, al tempo della guerra dei cosacchi contro il re di Polonia, e i pellegrini vi si recavano tre volte all’anno per chiedere perdono o guarigione. Poi fu rivista nel 1806, quando allontanò un’epidemia di colera e fece zampillare ai piedi di un salice acque salutari. Proprio in ricordo di questa apparizione fu costruita una cappella. Il 12 maggio 1914, vigilia dello scoppio della prima guerra mondiale, la Vergine apparve a 22 contadini. La visione durò fino al giorno successivo. I veggenti ricevettero un messaggio profetico, che preannunciava tempi dolorosi per il mondo e per l’Ucraina in particolare.
La Madonna predisse la perdita di sovranità dell’Ucraina per 80 anni: per otto decenni ci sarebbero state sofferenze e persecuzioni, al termine delle quali la cristianità avrebbe trionfato e l’Ucraina sarebbe tornata libera. Inoltre, disse loro che lo scoppio della guerra mondiale era imminente e che la Russia sarebbe diventata un paese senza Dio.
Ma in quel 1987, come a Fatima, Maria invitò alla preghiera e al perdono per la conversione della Russia; alla recita del Santo Rosario, arma potente contro satana. Raccomandò poi di non dimenticare i morti di Chernobyl, che fu un avvertimento e un segno per il mondo intero.

Un anno dopo, nell’aprile del 1988, la Madre lasciò questi messaggi, che rivelano oggi la drammatica attualità:
È per tramite vostro e del sangue dei martiri che avverrà la conversione della Russia. Pentitevi e amatevi gli uni e gli altri. Stanno per arrivare i tempi che sono stati preannunciati come quelli della fine del tempo. Guardate la desolazione che circonda il mondo: i peccati, l’accidia, il genocidio… Se per la Russia non c’è ritorno al cristianesimo, ci sarà una terza guerra mondiale e il mondo intero si troverà davanti alla rovina.

Insegnate ai bambini a pregare. Insegnate loro a vivere nella verità e vivete voi stessi nella verità. Dite il Santo Rosario. È l’arma contro satana… Sono venuta a confortarvi e a dirvi che le vostre sofferenze ben presto finiranno. Io vi proteggerò per la gloria e il futuro del Regno di Dio sulla terra, che durerà mille anni. Il Regno del Cielo e della Terra è a portata di mano. Verrà solo attraverso la penitenza e il pentimento dei peccati… Molti vengono come falsi messia e falsi profeti. Siate attenti… Io non faccio distinzioni di razza o religione. Voi qui in Ucraina avete ricevuto la conoscenza dell’unica, vera, Chiesa apostolica… Il Dio Eterno vi chiama. Ecco perché sono stata mandata a voi… nonostante le lunghe persecuzioni che avete subito non avete perduto la fede, la speranza e la carità.


Video sulle apparizioni di Hrushiv (Grushew)