19&venti: un corso di Teatro in Monastero

Seminario estivo di Teatro a Pietrarubbia (PU) 21-28 Agosto
Autore:
Riva. Matteo
Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Per incontrarci"

SPIRITUALITÀ. Qualcosa di estremamente personale, sensoriale. Un’esperienza da vivere sulla propria pelle, necessaria, indispensabile eppure trascurata. In un mondo fatto di praticità, di cose da fare, ordini da eseguire, scadenze da rispettare è difficile trovare quell’attimo di pace per conoscere, capire, apprezzare la gratuità. Le tante costruzioni sociali che ci sovrastano prendono possesso del nostro tempo e ci fanno perdere il senso della Bellezza. “Quanto mi piacerebbe avere un po’ di tempo per me!” chi non ha mai pronunciato queste parole? Seguite da “Vorrei fuggire” o magari “Ho bisogno di una vacanza!”. Tempo per sé. Silenzio per capirsi. Attimi per perdersi. Volare in storie meravigliose, addirittura, a volte sconvolgenti. Aprire gli occhi sulle cose di sempre e scoprire quanto i piccoli gesti siano Belli, autentici, preziosi. Sono queste rivelazioni che il teatro può offrire.
Grazie a una serie di in put che una scuola di teatro scatena: giochi sul corpo, sul contatto, sulla generosità si rinnova in la capacità di stupirsi per le semplici cose della vita, come una stretta di mano, uno sguardo, un’intenzione senza giudizio. Diventa allora possibile abbattere le barriere dello sguardo omologato del mondo di oggi e arrivare oltre, arrivare a vedere con gli occhi e con il cuore: un connubio meraviglioso tanto quanto lo stupore di far rifiorire lo spirito soffocato, a un passo da noi, dentro di noi.
In una location suggestiva, nel cuore di Montefeltro, di fronte al Monastero di San Lazzaro e Santa Maria Maddalena (Comunità monastica dell’adorazione eucaristica), il seminario firmato 19&venti vi permetterà di compiere un viaggio in voi stessi. Una settimana per chi si vuole avvicinare per la prima volta al teatro o per approfondirlo se lo conosce già, sulle orme delle storie scritte dal giornalista Fabio Cavallari e ritrovate in famose opere d’arte da Suor Maria Gloria Riva.

Struttura del laboratorio
(dal lunedì al venerdì)
Durante la mattinata inizieremo l’avvicinamento con giochi teatrali riguardanti l’esplorazione dello spazio, lo sviluppo dell’ascolto e dell’attenzione e la formazione del gruppo. Il pomeriggio il lavoro si indirizzerà sulla parola, tenendo come linea guida i racconti, scelti da voi, tratti dal libro VOLTI E STUPORE- Uomini feriti dalla bellezza (F. Cavallari, M. Gloria Riva, San Paolo Edizioni). Sabato grande festa finale e Domenica i saluti

Il libro
Cosa può dire la bellezza all'uomo di oggi? Il giornalista racconta storie. Difficili, estreme, a volte disperate. La suora di clausura le specchia ogni volta in un'opera della grande arte pittorica otto-novecentesca: i dettagli della composizione, i tocchi cromatici, i giochi delle linee, gli indirizzi estetici esaltano figurativamente i significati umani e spirituali delle tranches de vie proposte dalla pagina scritta, nell'equilibrio di una singolare osmosi fra linguaggi diversi ma compatibili. Un libro ideale per commuoversi e avviare il dibattito su temi scottanti del nostro tempo attraverso lo sguardo del giornalista e quello appassionato della bellezza che salva. Un libro che testimonia la pace possibile e l'amicizia tra un laico non laicista, una cristiana non clericale e un mussulmano non integralista. La bellezza diventa medicina e la fede cultura contemporanea. Con una Prefazione di Magdi Allam.

Visita la pagina