Esercizi spirituali: a tema la Bellezza

Esercizi spirituali all’insegna della Bellezza organizzati con il gruppo missionario di San Marino - Montefeltro e guidati da don Valentino Salvoldi, sacerdote, scrittore, missionario Fidei donum, pubblicista e docente universitario italiano.
Autore:
Salvoldi, Valentino
Fonte:
CulturaCattolica.it
Vai a "Per incontrarci"

Da Lunedì 8 luglio fino a sabato sera: esercizi spirituali in Monastero all'insegna della Bellezza. Li terrà don Valentino Salvoldi, presbitero, scrittore, formatore di molti giovani al sacerdozio e amico della comunità. Ci sarà anche un contributo artistico di suor Maria Gloria che aiuterà a "vedere" nell'arte ciò che don Valentino scorge nella Parola.
Gli esercizi sono stati organizzati in collaborazione con il Gruppo Missionario di San Marino - Montefeltro, e sono aperti a tutti. Lunedì mattina metteremo on-line il programma della settimana. Il primo appuntamento sarà Lunedì 8 luglio alle ore 16. Il tema della Bellezza viene declinato attraverso il filtro dei "monti" e della follia nella Sacra Scrittura e nel Vangelo in generale.
Ecco alcune riflessioni sulla bellezza di don Valentino:

«Il bello è ciò che piace». Questa frase può essere presa come stemma del relativismo, contro il quale sta tanto combattendo il “papa orante” Benedetto XVI.
Nel suo magistero il riferimento alla bellezza è stato costante, come nei suoi scritti precedenti come teologo e cardinale. Al meeting di Rimini del 2002 fece una riflessione sul rapporto verità e bellezza:
«La bellezza è certamente conoscenza, una forma superiore di conoscenza poiché colpisce l’uomo con tutta la grandezza della verità… La vera conoscenza è essere colpiti dal dardo della bellezza che ferisce l’uomo… L’essere colpiti e conquistati attraverso la bellezza di Cristo è conoscenza più reale e più profonda della mera deduzione razionale».
Da qui l’accorato appello agli artisti di percorrere la via della bellezza, assieme a tutti i credenti:
«Voi siete custodi della bellezza… Siate perciò grati dei doni ricevuti e pienamente consapevoli della grande responsabilità di comunicare la bellezza, di far comunicare nella bellezza e attraverso la bellezza! Siate anche voi, attraverso la vostra arte, annunciatori e testimoni di speranza per l’umanità! E non abbiate paura di confrontarvi con la sorgente prima e ultima della bellezza, di dialogare con i credenti, con chi, come voi, si sente pellegrino nel mondo e nella storia verso la Bellezza infinita! La fede non toglie nulla al vostro genio, alla vostra arte, anzi li esalta e li nutre, li incoraggia a varcare la soglia e a contemplare con occhi affascinati e commossi la méta ultima e definitiva, il sole senza tramonto che illumina e fa bello il presente».