La via Crucis Vivente

Il Passio a San Marino, l'8 aprile, è stato un evento che ha preparato alla settimana di Pasqua in modo affascinante.

Promosso dalla nostra comunità ormai da diversi anni, l'evento del "passio" cioè della via Crucis Vivente per le strade della città (prima di Pietrarubbia e ora, da qualche anno di San Marino) sta diventando tradizione. Così presentava l'evento la TV di San Marino che a questo momento intenso ha dato ampio spazio e valore.
Nella settimana di Passione, quinta di Quaresima, quando si velano le croci e le immagini sacre e la Chiesa si prepara a vivere i sette giorni che hanno inizio con la domenica delle Palme, per le vie del centro storico di San Marino la “Via Crucis vivente” a cura dell'Associazione Teatro dell'Aleph, sotto il patrocinio degli eccellentissimi Capitani Reggenti, con la regia di Giovanni Moleri e la collaborazione del Centro Missionario diocesano. Partito davanti alla Chiesa dei Cappuccini a San Marino Città, il momento di teatro riflessione, bellezza e preghiera è stato reso ancora più suggestiva dal vento. Quest’anno la passione di Cristo si incarna dentro a quella del Popolo ucraino che San Marino avverte nella sua quotidianità, per la presenza di oltre trecento profughi. All'emergenza in Ucraina e per la Quaresima missionaria ed il progetto in Etiopia andrà il ricavato della “Via Crucis Vivente”, che nella preghiera drammatizzata e solidale ci avvicina alle vittime della guerre e dei martiri, di ieri e di oggi “un momento di intensa meditazione visiva della Passione del Signore, – dicono le monache dell'Adorazione Perpetua- nella cornice suggestiva del centro storico sammarinese che evoca in modo straordinario le strade dell’antica Gerusalemme. I canti e le preghiere aiutano ad entrare con profondità e contemplazione nel vivo della settimana santa che è alle porte”. E nella pena per la sofferenza di un uomo e di sua madre.

Guarda la presentazione del Passio


Guarda il Video del Backstage