Un Natale di Luce

I nostri auguri di buon Natale e di Buon anno sono segnati da diversi eventi che, dentro l'oscurità del panorama mondiale, rappresentano una luce di speranza.

Veniva nel mondo la luce vera,
quella che illumina ogni uomo. Gv 1,9

Facci sapere di te, sapore di Dio. Beata Maria Maddalena dell’Incarnazione



Carissimi,
a dispetto del panorama mondiale così denso di oscurità e di preoccupazioni, questo Natale apre per noi un anno di luce. Diverse coincidenze, che per Dio non sono mai un caso, ci portano a rendere grazie al Signore per i molti doni dati a noi e al mondo intero.

1223 – 2023 Quest’anno cadono gli ottocento anni dal Presepe di Greccio di San Francesco. La nostra Fondatrice, memore delle sue radici francescane, avrebbe celebrato questo evento con grande solennità. La nostra comunità, inoltre, ha la grazia di vivere in ben due conventi francescani che trasudano di preghiera e di storia di santi.

• 1824 – 2024
Nella nostra diocesi si celebra un anno eucaristico e, il 29 novembre, si è aperto un anno giubilare per i duecento anni dalla morte della nostra Beata, Madre Maria Maddalena dell’Incarnazione è morta, infatti, il 29 novembre del 1824. Per questo anno, tutte le Chiese delle adoratrici hanno ricevuto la grazia di poter offrire a tutti coloro che pregano con noi o fanno adorazione personale, l’indulgenza per i vivi e per i morti, sempre se muniti delle dovute disposizioni.

• 2007- 2023 Abbiamo ricevuto proprio in questo 2023 l’approvazione definitiva, dalla Santa Sede, dallo Stato Italiano e, proprio all’inizio dell’avvento, siamo ufficialmente entrate a far parte della federazione dello Spirito Santo. Motivi tutti per i quali ringraziare Dio e i santi che ci hanno aiutato.

Di fronte a tali eventi e, come dicevamo in apertura, alle vicende internazionali (e nazionali) ci è sembrata di grande speranza l’espressione del Prologo di Giovanni così cara al Natale: Viene nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo.
Le luminarie e le rappresentazioni natalizie che da san Francesco fino ad oggi riempiono case, botteghe, città e Paesi interi, trovano senso solo in questa verità: è Cristo la luce vera che ci illumina dentro. È lui il solo capace di cogliere il bene nel nostro male, e di far risplendere la vera luce entro le nostre oscurità.

Il Natale delle Meraviglie, che ogni anno si celebra nella Repubblica di San Marino, ha quest’anno il tema del gusto, per auspicare a tutti un mondo più dolce.

Così, proprio pensando alla nostra Beata abbiamo scelto come frase natalizia una sua felice espressione: Facci sapere di te, sapore di Dio! Sì, la vera dolcezza è Cristo, che col legno della croce rende dolci le nostre acque amare. La sua dolcezza, grazie a Dio, possiamo gustarla ogni giorno nell’Eucaristia e non solo nella ricorrenza del Natale!

Il nostro presepe allora è dedicato proprio a questi due elementi: la luce e la dolcezza del pane eucaristico. Abbiamo immaginato che se la nostra Fondatrice fosse stata fra noi avrebbe interpretato il presepe di Greccio, rifacendo un presepe pieno di Adoratrici. Così al posto del tradizionale presepe abbiamo realizzato una processione di adoratrici verso il divino Infante.

Le statuine non sono quelle tradizionali, ma piccole monache in bianco e rosso, realizzate, per accordarci al tema del Natale delle Meraviglie, con bottigliette di Yogurt liquido e cucchiai di plastica.

A Pietrarubbia la curiosa processione delle monache, si rivolge a una grande vergine Madre, una Madonna del Segno, che allargando le braccia e mostra a tutti la vera luce del mondo: Gesù Bambino.

A San Marino invece una chiesa in miniatura con al centro dell’abside la bella Adorazione dei Magi del Bitino (presente nella Pinacoteca del Convento) accoglie le monachine che adorano il Santissimo Sacramento e, sotto, Gesù Bambino!

Con queste piccole meraviglie interamente realizzate da noi vorremmo dire a tutti quelli che già ci onorano della loro amicizia e ai tanti che a diverso titolo ci avvicinano che la nostra preghiera incessante si prende cura del cuore di ciascuno perché abbia luce non perda mai, pur nelle contrarietà quotidiane, il sapore bello e grande del dono della vita

Assicurando di essere con voi nella notte di Natale, auguriamo alle vostre famiglie alle vostre famiglie ogni bene nel Signore